Potenziata l’attività del Settore Ambiente del Libero Consorzio di Agrigento che rilascia l’A.U.A.

Hanno letto: 42

 E’ stata ulteriormente potenziata l’attività del Gruppo 3 del Settore Ambiente del Libero Consorzio di Agrigento che definisce i provvedimenti di Autorizzazione Unica Ambientale. Lo comunica con una nota stampa lo stesso Libero Consorzio.

“Sulla home page istituzionale – si legge nella nota – è stato infatti aggiornato il menu del Gruppo AUA con l’inserimento di riferimenti normativi, modulistica e contatti del personale addetto al gruppo che emette provvedimenti A.U.A. Si tratta di un’attività svolta ai sensi del DPR n. 59 del 3 marzo 2013 per la semplificazione degli adempimenti amministrativi in materia ambientale, e che nel 2019 ha portato all’adozione di ben 174 provvedimenti amministrativi per le imprese che ne hanno fatto richiesta, un ulteriore incremento rispetto al 2018.  

 L’A.U.A., la cui competenza è attribuita dallo stesso DPR 59/2013 ai Liberi Consorzi (ex Province) semplifica l’iter per il rilascio di sette autorizzazioni per le piccole e medie imprese e titolari di impianti non soggetti alla disciplina dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.), che in una fase precedente dovevano essere richieste separatamente. Le AUA sono state rilasciate a imprese di svariati settori produttivi (trasformazione dei prodotti agricoli, caseari e ittici, frantoi e oleifici, stabilimenti enologici, frantumazione di inerti, strutture turistiche e alberghi, varie attività artigianali, depositi di carburanti, e altre ancora), e hanno lo scopo di accertare la regolarità degli impianti che hanno presentato istanza per ottenere il titolo fondamentale per l’avvio di attività produttive. 

  I provvedimenti hanno riguardato tutti i titoli abilitativi individuati dal DPR 59/2013 (Art.3, comma 1), in particolare l’autorizzazione agli scarichi, l’utilizzazione di acque di vegetazione dei frantoi e di reflui provenienti da aziende zootecniche per usi irrigui, l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera, all’utilizzo di fanghi derivanti dai processi di depurazione in agricoltura e le comunicazioni in materia di rifiuti”. 

 La nota infine comunica che e’ stato dato un riassetto all’organizzazione interna del Gruppo 3, potenziato per valorizzare le figure professionali interne in modo da supportare il coordinamento tra i soggetti competenti in materia ambientale (Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, ARPA, U.T.A. Agrigento, Comandi delle Polizie Municipali) e gli Sportelli Unici per le Attività Produttive dei Comuni per il rilascio del provvedimento finale.