La Dia sequestra Palazzo Pignatelli a Castelvetrano. Sigilli al patrimonio del mercante d’arte amico di Messina Denaro

Sigilli al patrimonio di Gianfranco Becchina, collezionista d’arte di Castelvetrano che secondo le indagini della Direzione investigativa antimafia di Trapani, coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dal sostituto Geri Ferrara, accusato di aver finanziato il superlatitante Matteo Messina Denaro.
L’inchiesta di oggi, intanto, ha portato ai sigilli per una girandola di società, una tra le altre cose risulta proprietaria di un’ala dell’ex castello “Bellumvider” realizzato nel 1239 per accogliere Federico II, poi diventato il Palazzo ducale dei principi Pignatelli Aragona Cortes Tagliavia, uno dei palazzi simbolo del centro storico di Castelvetrano.