Tre persone in quarantena precauzionale a Santo Stefano, provengono dalla zona del focolaio del virus

3518

Tre persone in quarantena a Santo Stefano di Quisquina, la conferma arriva dal primo cittadino del Comune agrigentino.
Si tratta di un’insegnante di 26 anni che lavora in un istitutp di Casalpusterlengo, in provincia di Lodi, di sua madre e di un giovane di 21 anni.

La docente, è ritornata nel paese, venerdì scorso, un giorno prima dell’emanazione del decreto Legge disposto, sabato scorso dalla presidenza del consiglio dei ministri mentre, il giovane, residente a Fombio, provincia di Fombio, sarebbe rientrato a Santo Stefano mercoledì scorso. 

A scopo precauzionale,  dovranno restare due settimane in isolamento e con loro anche la mamma dell’insegnante perche’ ha avuto contatti con la figlia.

Durante il periodo di quarentena, saranno costantemente monitorati dal personale medico, al momento, nessuno dei tre soggetti, presenta sintomi influenzali che potrebbero destare preoccupazioni.

Francesco Cacciatore, il sindaco del comune ha confermato che i tre hanno accettato l’isolamento volontario.

I tre stanno bene e il loro isolamento e’ solo precauzionale