A Menfi aumenta la tassa sui rifiuti, l’opposizione: “Un disastro amministrativo”

Hanno letto: 143

“Il recente aumento della Tassa comunale sui rifiuti che ha scatenato sul web una profonda indignazione popolare, rappresenta l’epilogo di una serie eventi che stanno caratterizzando un disastro amministrativo largamente annunciato”. Lo scrivono oggi i consiglieri di opposizione al Comune di Menfi secondo i quali “appena 16 mesi di amministrazione Mauceri,  innumerevolicolpi di scena hanno dominato e dominano un’azione politico-amministrativa, sempre piu’ incisiva nella soppressione di servizi essenziali a fronte di un aumento delle tasse per i cittadini. E’ innegabile che tutte le amministrazioni comunali che si sono susseguite nel tempo hanno fronteggiato, con equilibrio e senza clamore,  il progressivo taglio dei finanziamenti statali e regionali, garantendo ai cittadini – aggiunge il gruppo di Idea Menfi – tutti i servizi esistenti senza ricorrere ad un aumento dei tributi; oggi, purtroppo viene scritta una pagina buia e isolata nella storia politica locale (aumento dei tributi, aumento dell’imposta di soggiorno, aumento delle indennità degli amministratori comunali, soppressione dell’Ufficio del Giudice di Pace, ritardo nell’attivazione dell’asilo nido comunale, ritardo nel sostenere le spese di  compartecipazione al trasporto scolastico degli studenti pendolari, ritardo nel pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali, ritardo nell’ attivazione del servizio di mensa scolastica, mancata assunzione dei vigili urbani stagionali, bandi per incarichi da affidare a consulenti esterni e regolamenti urbanistici ritenuti illegittimi dagli organi preposti”. Per l’opposizione, “in presenza di difficoltà economiche è saggio eliminare il superfluo per garantire l’essenziale. Una politica veramente solidale deve mettere al centro il cittadino con i suoi bisogni, motivo per il quale il gruppo consiliare “ Idea Menfi“ invita il sindaco e la sua giunta ad un’inversione di rotta nell’interesse esclusivo della collettività”. La nota e’ dei consiglieri Ezio Ferraro, Sandro La Placa, Vito Clemente, Rossella Sanzone e Andrea Alcuri.