Gli arresti a Menfi per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per un imputato pena ridotta in appello

Hanno letto: 4031

E’ stata confermata la pena di 6 anni e 8 mesi di reclusione per Sarra Khaterchi, di 33 anni, e ridotta da 6 anni e 8 mesi a 4 anni e 6 mesi per il marito, Akrem Toumi, di 41. I due tunisini sono stati arrestati a Menfi accusati di far parte di un’organizzazione dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La sentenza è stata emessa dai giudici della Corte di Assise d’Appello di Palermo.

Per il marito i giudici hanno accolto la richiesta della difesa, rappresentata dall’avvocato Francesco Di Giovanna, di concessione delle attenuanti generiche, giudicate prevalenti rispetto alle aggravanti contestati. Durante le fasi dell’arresto dei due è rimasto gravemente ferito un finanziere, precipitato dal soffitto di una casa.  I due si trovano ai domiciliari, concessi dalla Corte di Assise di Palermo. Gli altri imputati in questo processo sono stati giudicati con il rito abbreviato.

La coppia da tempo si era trasferita a Menfi dove avrebbe ricevuto anche collaborazione. E’ nelle fasi che hanno portato alla cattura dei due che un finanziere del Gico di Palermo è caduto da un’impalcatura riportando gravi ferite. Poi è riuscito a riprendersi, nonostante le gravi ferite riportate in quella caduta.