Il menfitano Calogero Friscia torna agli arresti domiciliari

Hanno letto: 1646

Il menfitano Calogero Friscia, di 25 anni, ha lasciato il carcere di Castelvetrano ed è tornato ai domiciliari. Nei confronti del giovane, indagato per presunti atti sessuali con una ragazzina di età inferiore ai 14 anni, il giudice aveva aggravato la misura per violazione delle prescrizioni che gli erano state imposte.

Adesso il giudice Gugliemo Nicastro, del Tribunale di Palermo, ha accolto la richiesta del difensore dell’indagato, l’avvocato Calogero Lanzarone, e Friscia è tornato ai domiciliari anche se in una casa diversa rispetto a quella in cui risiede.

Nell’inchiesta, scaturita da un’indagine condotta dai carabinieri della stazione Menfi, sono indagati anche altri menfitani. Dopo l’incidente probatorio l’indagine è ancora in corso di svolgimento da parte della Procura della Repubblica di Palermo.

Nella foto, l’avvocato Calogero Lanzarone