Menfi, processo di mafia “Opuntia” con sentenza confermata in appello

2355

La Corte di Appello di Palermo ha confermato la sentenza del gup del gup nell’ultimo troncone del processo di mafia “Opuntia” a carico di due imputati.

Confermata la pena a 2 anni e 8 mesi di reclusione per il collaboratore di giustizia Vito Bucceri, di 47 anni, di Menfi, con i benefici della collaborazione.

Conferma della pena a 2 anni e 6 mesi per favoreggiamento per un altro menfitano, Vito Riggio, di 47 anni, per il quale il suo difensore, l’avviocato Calogero Lanzarone, aveva chiesto l’assoluzione.

La conferma della sentenza di primo grado, ma con la riformulazione della pena, nell’entità che stabilita dalla Corte, era stata la chiesta del procuratore generale.  Bucceri è difeso dall’avvocato Monica Genovese che aveva chiesto una riduzione della pena.

Gli imputati negli altri tronconi di questo processo fino ad oggi sono stati tutti assolti.