Sospesa la detenzione domiciliare per un menfitano

1824

Dalla detenzione domiciliare all’istituto di pena per finire di scontare ancora pochi mesi di una condanna per furto di auto e moto Andrea Vetrano, di 21 anni, di Menfi. Il Tribunale di Sorveglianza di Palermo ha disposto la provvisoria sospensione e il suo accompagnamento presso un istituto penitenziario.

Il giovane, che era autorizzato a svolgere lavori di pubblica utilità presso il Comune di Menfi, in due occasioni, negli ultimi mesi, non sarebbe stato trovato nella propria abitazione. In particolare, il 5 giugno scorso, sarebbe intervenuto fuori dalla propria casa dove era in corso una lite. Sono arrivati, in quell’occasione, anche i carabinieri che hanno posto Vetrano in detenzione domiciliare. Adesso il Tribunale di Sorveglianza ha disposto la revoca e l’accompagnamento del giovane presso un istituto penitenziario. Intanto, al difensore del ventunenne menfitano, l’avvocato Giuseppe Buscemi, è stato notificato da parte del gip del Tribunale di Sciacca, Antonino Cucinella, il decreto di fissazione dell’udienza di convalida dell’arresto per evasione che si terrà il 30 giugno prossimo.

Nella foto, l’avvocato Giuseppe Buscemi