Dieci anni per essere assunta, biologa risarcita dall’Assessorato

569

Il Tar di Palermo ha condannato l’Assessorato regionale alla Salute per la mancata assunzione di una dottoressa biologa risultata idonea, ma non assunta.

Dopo aver partecipato ad un concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 9 posti di collaboratore biologo, bandito dalla ex Usl 58 di Palermo nel 93, la professionista era stata collocata al 21° posto della graduatoria di merito degli idonei.

Con una nuova delibera l’ex Usl 58 aveva utilizzato la graduatoria per assumere altri 13 collaboratori biologi, tra i quali rientrava anche la stessa dottoressa che avrebbe iniziato a lavorare nell’azienda ospedaliera Policlinico. L’ex Usl poi aveva revocato la nomina. Dopo un lungo contenzioso i giudici amministrativi hanno annullato la revoca, obbligando le amministrazioni sanitarie all’immissione in servizio anche della dottoressa esclusa.

Il ricorso durato 10 anni ha creato un danno al medico, privandolo delle retribuzioni. La biologa, assistita dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, ha presentato un nuovo ricorso. I giudici accogliendo le tesi dei legali hanno stabilito che esiste il danno patrimoniale subito dalla biologa. Il Tar di Palermo ha condannato l’assessorato della Salute al risarcimento quantificato nel 50% delle retribuzioni che avrebbe dovuto essere corrisposte alla ricorrente dal 27 gennaio 1999 fino al novembre 2006, nonché, al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in 2.000 euro, oltre oneri accessori