L’operazione antidroga a Ribera con 12 mila euro trovati in campagna, confermate le misure cautelari

1181

Confermate le misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Sciacca nell’ambito dell’operazione antidroga che ha portato i carabinieri di Ribera anche a recuperare 12 mila euro in contanti. Il giudice Antonino Cucinella ha confermato i domiciliari per il tunisino Rached Khalfaoui, di 32 anni, e per la moglie, Nicoleta Atomi, di 20, romena, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Il giudice deve decidere sulla richiesta di potersi recare al lavoro avanzata da Anis Khalfaoui, di 34 anni, tunisino, fratello di Rached, che si trova ai domiciliari in Basilicata. I tre indagati nell’interrogatorio di garanzia si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. L’indagine e’ stata coordinata dai sostituti Michele Marrone e Roberta Griffo che hanno chiesto e ottenuto dal giudice le misure cautelari.