Operazione dei carabinieri “Bazar” a Ribera, il giudice conferma tutte le misure cautelari

1102

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha confermato tutte le misure cautelari emesse nell’ambito dell’operazione “Bazar”, svolta a Ribera dai carabinieri della locale tenenza, con sei indagati per i quali sono stati disposti i domiciliari e sei l’obbligo di dimora.

Dopo gli interrogatori di garanzia e il parere negativo da parte del sostituto procuratore Michele Marrone alle richieste di modifica o di revoca avanzate dalle difese resta ai domiciliari Giuseppe Fallea, di 60 anni, di Ribera, indagato per estorsione.

Rigettata dal gip la richiesta di revoca per Giuseppe Fortino al quale si contestano fatti di droga e la detenzione di un revolver che avrebbe portato in un locale.

Confermato l’obbligo di dimora per Calogero Bellanca, di 35 anni, di Ribera.

Resta ai domiciliari anche Mohamed Salem Haj Ahmed, di 38 anni. Confermato l’obbligo di dimora per l’egiziano Abdelmeguid Yassin, di 19 anni, e il tunisino Ahmed Ben Hadj, di 37.

Ci sono ancora quattro indagati irreperibili, tutti di nazionalità tunisina. Tra loro ci sarebbero anche figure centrali del gruppo, chi avrebbe garantito droga a Ribera dal palermitano.