Resta in carcere il riberese arrestato per resistenza a pubblico ufficiale dopo l’incendio di un’auto

Hanno letto: 838

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sciacca, Antonino Cucinella, ha disposto la custodia cautelare in carcere per Sandro Andreatto, di 26 anni, di Ribera, arrestato dai carabinieri della locale tenenza per resistenza a pubblico ufficiale nell’ambito delle indagini finalizzate ad individuare l’autore dell’incendio di un’auto in pieno centro.

Il giovane è indagato anche per lesioni, porto abusivo di armi e minacce ed avrebbe aggredito con un coltello un quarantunenne riberese.  Il gip ha convalidato l’arresto e disposto per Andreatto la custodia cautelare in carcere. Il ventiseienne nell’udienza di convalida dell’arresto, per resistenza a pubblico ufficiale, si sarebbe difeso, respingendo le accuse. Il suo difensore, l’avvocato Francesco Di Giovanna, ha annunciato che presenterà ricorso al Tribunale del Riesame.