Tentata rapina e tentato omicidio del coadiutore a Ribera, la Cassazione conferma le condanne

Hanno letto: 2841

La Cassazione ha confermato la condanna a carico dei riberesi Antonino Cardillo, di 28 anni, e Natale Catalano, di 49, per tentata rapina alla tabaccheria Valenti di Ribera e per tentato omicidio del coadiutore dell’esercizio.

Per Cardillo 9 anni di reclusione e per Catalano 10 anni. I due riberesi hanno ammesso la tentata rapina, ma escluso ogni responsabilità sul tentato omicidio del coadiutore. La difesa di Catalano aveva chiesto in appello la nomina di un perito per un’intercettazione e quella di Cardillo la proiezione delle immagini della tentata rapina alla tabaccheria per dimostrare che la persona che impugna la pistola non punta mai l’arma quando tenta di sperare verso il coadiutore. E poi che la pistola era a gas e non avrebbe mai potuto arrecare danno. Cardillo è difeso dagli avvocati Giovanni Vaccaro e Maurizio Gaudio e Catalano dall’avvocato Francesco Di Giovanna. Catalano è stato condannato anche per rapina alla farmacia Ragusa di Calamonaci. La Cassazione ha rigettato l’appello per Cardillo e dichiarato inammissibile per Catalano.