Non dichiaro’ il falso in udienza, margheritese assolto

1945

Assolto perché il fatto non sussiste dall’accusa di falsa testimonianza il margheritese Giuseppe Dolcemascolo, di 54 anni, difeso dall’avvocato Filippo Lojacono. Secondo l’accusa deponendo come teste in un processo per estorsione avrebbe fornito dichiarazioni diverse rispetto a quelle rese ai carabinieri di Santa Margherita Belice du-rante la fase delle indagini. La vicenda per la quale Dolcemascolo era stato chiamato a testimoniare verteva su un altro margheritese, Luciano Saladino, di 51 anni, che era accusato di estorsione di piccole somme di denaro. Dolcemascolo sentito al processo a carico di Saladino avrebbe dichiarato di avere elargito allo stesso piccole somme di denaro senza avere subito mi- nacce e senza particolari timori nei confronti dello stesso. Ciò in difformità rispetto a quanto avrebbe dichiarato ai carabinieri. Il senso delle dichiarazioni di Dolcemascolo, ha rilevato la difesa, non è mai cambiato e quella dazione di piccole somme di denaro è stata fatta spontaneamente e senza alcuna minaccia. Dolcemascolo è stato assolto dal giudice monocratico Dino Toscano. Il processo a carico di Saladino si è chiuso tre anni fa con la prescrizione che ha cancellato una sentenza di condanna a un anno e 2 mesi di reclusione per tentata estorsione. Saladino era difeso dall’avvocato Francesco Di Giovanna.