Rapina aggravata e lesioni, obbligo di dimora per un giovane trapanese

714

Un 24enne di Trapani avrebbe adescato un suo coetaneo, nel cuore della notte in un luogo isolato, prospettandogli un appuntamento tramite un app di incontri per soli uomini, per poi intimargli di seguirlo fino ad un’autovettura a bordo della quale li attendeva il suo complice. A questo punto, dopo averlo colpito con violenza al volto, lo costringeva a consegnare il portafogli ed il cellulare e a salire sull’abitacolo per raggiungere un ATM per ritirare altro denaro contante.

Approfittando di un momento di distrazione dei due malviventi, la vittima riusciva a scendere dal veicolo e a richiedere poco dopo l’intervento dei militari dell’Arma, mettendo in fuga i due rapinatori.

Dalla minuziosa indagine eseguita dai Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Trapani, che ha fatto emergere gravi indizi di colpevolezza nei confronti di un pregiudicato classe ‘98 trapanese, per i reati di rapina aggravata e lesioni personali in concorso.

Il giovane, soggetto già noto agli operanti per i numerosi precedenti di polizia a suo carico, solo pochi giorni fa, era stato denunciato per i reati di guida senza patente e sotto l’uso di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Trapani, emessa dal GIP del Tribunale del capoluogo, su richiesta della locale Procura della Repubblica,