L’operazione speciale russa è fallita

637
zelensky mariupol

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo ultimo videomessaggio su Facebook ha parlato della situazione attuale della guerra e dello stato in cui si trova l’esercito russo.

I militari russi oggi hanno colpito la regione di Lviv, bombardamenti ci sono stati a Hulyaipole, Severodonetsk, Lysychansk, città e comunità della regione di Donetsk. Tutta questa brutalità degli occupanti, che l’Ucraina sta vivendo ogni giorno, porterà solo alla fatto che i soldati russi sopravvissuti trasferiranno questo male in Russia perché si ritireranno. È così che finirà tutta la febbrile attività dell’esercito russo” ha detto il presidente ucraino riferendosi agli attacchi contro i civili compiuti dalle forze russe nella giornata di ieri.

Al momento l’esercito ucraino si sta preparando per nuovi attacchi da parte della Russia nel Donbass “per intensificare in qualche modo il loro attacco nel sud dell’Ucraina”. Ma l’esercito russo non riesce ad avanzare nonostante l’impiego di forze al fronte causando perdite umane e l’utilizzo di armi sempre più pesanti. Zelensky annuncia che l’esercito di Putin è in una situazione di stallo“. Nonostante non vogliano ammettere “di essere in un vicolo cieco e che la loro cosiddetta ‘operazione speciale’ è già fallita” dopo 82 giorni. Ma verrà sicuramente il momento in cui il popolo ucraino spingerà gli invasori al pieno riconoscimento della realtà“.

La città simbolo di questa resistenza che sta piegando l’esercito russo che sta perdendo sempre più le sue forze è Mariupol. Nonostante la Russia abbia dichiarato più volte di aver preso il controllo della città, l’acciaieria di Azovstal rimane la roccaforte della resistenza. I soldati sono barricati dentro l’acciaieria e la frustrazione dell’esercito russo costringe Putin a ricorrere ad armi proibite a livello internazionale come le armi incendiarie. Ora l’acciaieria di Azovstal si trova sotto una pioggia di lava che fonde il metallo come legno raggiungendo oltre 2.500 gradi di temperatura.

Per questo, Zelensky ha annunciato che sono in corso i negoziati per far evacuare le persone ancora a Mariupol e i combattenti che sono ancora nell’acciaieria. Per il presidente questa è una priorità su cui sta lavorando quotidianamente. Sono trattative delicate e difficili ed è fondamentale che vengano rispettati gli accordi, dice il presidente.

Poi il presidente Zelensky si è appellato all’Europa e all’importanza di porre l’embargo alla Russia. Per lui è una priorità. Non importa quanto duramente Mosca cerchi di contrastare questa decisione, il tempo della dipendenza dell’Europa dalle risorse energetiche russe sta volgendo al termine. E questo non cambierà“, ha affermato il presidente. “Abbiamo bisogno di partner per prendere decisioni ogni settimana che limitino i legami della Russia con il mondo. Gli occupanti devono avvertire il prezzo della guerra in costante aumento”, ha concluso.