10.9 C
Comune di Sciacca

Ribera, 165 mila euro ricevuti dallo Stato verranno impiegati per ridurre la Tari delle attività danneggiate per il coronavirus

Pubblicato:

Il sindaco di Ribera, Carmelo Pace, ha disposto di creare un capitolo di bilancio per esentare le attività sospese dai dpcm o comunque danneggiate economicamente dall’emergenza Covid 19 ai fini della Tari 2020, da sottoporre al consiglio comunale.

A Ribera le attività che hanno subito pesanti danni economici, in seguito all’emergenza coronavirus, potranno essere sgravate dal pagamento della Tari 2020 e, probabilmente, anche esentate dai pagamenti di quattro o cinque mensilità. Il bonifico sul conto corrente del Comune crispino, infatti, dell’importo di 165 mila euro da parte dello Stato dal fondo per esercizio funzioni fondamentali anno 2020, è l’ acconto per aiutare le attività gravate dall’emergenza Covid 19.

“Con questo provvedimento – afferma il sindaco di Ribera Carmelo Pace – si vuole proporre all’organo consiliare l’investimento dell’intero acconto dello Stato per sgravare le attività colpite dall’emergenza Covid-19 per la Tari 2020, rilevato che per i Comuni, secondo l’art 187 bis del decreto Rilancio, sono previste altre somme per le minori entrate della Tosap ed è nostra intenzione esentare totalmente dai pagamenti. Gli uffici sono già al lavoro – continua Pace – e siamo certi che l’intero consiglio comunale, quando sarà chiamato a decidere , condividerà la scelta in favore delle categorie in difficoltà.”

Articoli correlati

Articoli Recenti

spot_img

Il tuo messaggio è stato inviato con successo

Impossibile inviare