Bilancio, la replica di Di Paola: “Irresponsabile è chi usa toni da propaganda elettorale”

2075

“Non è solo il Comune di Sciacca a non avere ancora approvato il bilancio di previsione, ma anche altri comuni amministrati dai rappresentanti politici di chi oggi mi attacca”. È così che Fabrizio Di Paola replica alle critiche delle ultime ore sulla scadenza dei termini previsti per il via libera allo strumento finanziario. Ma è sull’accusa di aver voluto rimandare i problemi alla prossima amministrazione che il sindaco controbatte duramente, facendo notare come sia “una cortesia istituzionale da parte dell’Amministrazione uscente, al termine del proprio mandato, lasciare all’Amministrazione entrante la libera facoltà di definirsi il proprio bilancio sulla base dei propri programmi ed obiettivi, senza avere nulla di ingessato”.

“Consiglieri comunali, partiti, movimenti, che criticano l’Amministrazione comunale di Sciacca, – dichiara il sindaco – farebbero bene a guardarsi in giro e a vedere qual è la situazione in altri comuni siciliani guidati anche da rappresentanti delle rispettive aree politiche, anche altri Comuni infatti sono nella stessa situazione, in attesa che la Regione Siciliana approvi il proprio bilancio”.

Poi Di Paola chiarisce che “essendo la Regione in esercizio provvisorio e non avendo, dunque, quantificato il fondo delle autonomie locali, i Comuni si trovano a non potere predisporre il bilancio. Uno strumento finanziario che negli ultimi anni, a causa proprio delle entrate incerte e sempre più ridotte, si è fatto sempre più complicato da definire. Una situazione oggetto anche di un intervento dell’Anci Sicilia”.

Infine il sindaco di Sciacca fa notare polemicamente che in questi giorni, come nei cinque anni trascorsi, gli stessi soggetti che intervengono sul bilancio hanno sempre dato l’impressione di avere soluzioni ad ogni problema. Il Comune di Sciacca, così come gli altri Comuni siciliani, in questi anni di enormi difficoltà finanziarie, hanno sempre dato dimostrazione di straordinaria responsabilità. Forse ha un atteggiamento irresponsabile chi interviene su questi temi, con certi toni e certi contenuti, solo per propaganda elettorale”.