Cinzia Deliberto:”Il sindaco Valenti è un allenatore che non ha mai fatto squadra, ora tolga il disturbo”

Hanno letto: 565

Il consigliere comunale, Cinzia Deliberto, critica l’operato della giunta Valenti che appare, a suo dire, monca, senza nessun obiettivo e con una maggioranza consiliare nella quale si sente ormai un malessere costante. Un invito, quello rivolto dalla Deliberto al sindaco, ad abbandonare la “poltrona” perchè ormai arrivata al capolinea.

“E’ una maggioranza, quella saccense, composta da consiglieri che parlano essi stessi di progetto fallimentare, che accusano di fallimento il sindaco e lo stesso PD, gruppo politico del quale il sindaco è ormai parte integrante. Un progetto politico che doveva rivolgersi alla società civile e che adesso non credo possa essere più rappresentato da un sindaco ormai politicizzato e palesemente schierato. Ma come si può pensare di amministrare ancora una città cercando l’ aiuto dei gruppi politici di opposizione, quando c’è un allenatore incapace di giocare la partita con la propria squadra? “. Sono queste le dure parole con le quali il consigliere comunale Cinzia Deliberto apostrofa l’amministrazione Valenti che, ormai, secondo lei, dovrebbe congedarsi dalla guida della città. “Un allenatore che non hai mai fatto squadra e che non è mai riuscita ad essere giusto collante per il bene comune – continua la Deliberto – non deve più amministrare il paese. Posso affermare che ci troviamo davanti ad un “fallimento progettuale” per l’intera coalizione che reclama aiuto all’opposizione. Quando sento gli interventi di alcuni esponenti della maggioranza che esortano ad aperture politiche per il bene della città mi rendo conto, sempre di più, di quanto ormai sia diventato difficile continuare a governare una città che sta sprofondando sempre di più, per colpe imputabili solo ed esclusivamente ad un sindaco circondato da consiglieri “esterni” che in due anni le hanno fatto fare solo ed esclusivamente scelte politiche “di poltrone” e nessuna concentrata a scelte politiche finalizzate a raggiungere gli obiettivi posti nel programma elettorale scelto dagli elettori. E poi, diciamolo, sussiste una giunta formata da assessori che non hanno neanche condiviso il progetto politico iniziale di Francesca Valenti, assessori che, con tutta probabilità, avevano preferito altri candidati a sindaco. È chiaro che la gestione amministrativa Valenti, oggi è arrivata al capolinea e quando si giunge al capolinea resta una sola cosa da fare:scendere!”.