Domenico Mistretta, candidato sindaco dei 5 Stelle: “La voglia di cambiamento mi ha indotto a questa decisione”

2656

“Sono orgoglioso di rappresentare il Movimento Cinque Stelle in questa competizione elettorale. La voglia di cambiamento ha prevalso e mi ha dato la forza per trasformarmi da spettatore in attore principale di questo cambiamento”. Sono queste le prime dichiarazioni rilasciate, in piena notte, da Domenico Mistretta, 35 anni, tributarista e consulente del lavoro, da candidato sindaco dei grillini. Una scelta non indolore quella compiuta ieri dall’assemblea che ha lasciato sul campo qualche scontento visto che su 58 presenti i voti favorevoli sono stati 30, 8 i contrari e 20 gli astenuti. Mistretta afferma che non si aspettava questa designazione ed aggiunge: “La posta in gioco era troppo alta e da persona che vive e vivrà in questa città non potevo non assumermi le mie responsabilità. Sono sicuro che insieme allo splendido gruppo da cui sono circondato riusciremo a trovare una forza capace di superare qualsiasi ostacolo”. Sugli altri fronti le ultime ore parlano di un Michele Ferrara ancora in pausa di riflessione rispetto alla decisione del resto del centrosinistra di dare il via libera a Francesca Valenti come candidato sindaco. L’ex assessore continua a non escludere ogni ipotesi sulla collocazione del suo gruppo. Nel centrodestra, invece, l’ultimo attacco di Mario Turturici e Salvatore Monteleone a Fabrizio Di Paola, in risposta alle dichiarazioni del sindaco in carica, allontanano, e di molto, l’ipotesi di un accordo di Patto per Sciacca con il centrodestra. E nella coalizione c’è il derby tra Calogero Bono e Silvio Caracappa per la candidatura a sindaco. Per quanto riguarda Mizzica si parla sempre di Domenico Contino, ma sembra non ancora detta l’ultima parola.