Fuori sede il parlamentare Mangiacavallo, ma condivide la battaglia “no green pass” all’Ars

2252

Non ci sarà per tutta la settimana. Ha riferito di essere fuori sede al momento, il parlamentare saccense Matteo Mangiacavallo. Stamattina l’ex grillino non si è recato ai lavori in aula all’Assemblea Regionale Siciliana a Palermo. Ma ribadisce che condivide la battaglia dei suoi colleghi di gruppo sull’esibizione del green pass. Il capogruppo di Attiva Sicilia, Sergio Tancredi e la vice presidente dell’Ars, Angela Foti stamane sono stati bloccati all’ingresso di Palazzo dei Normanni. Senza la certificazione non si può partecipare ai lavori dell’aula. Tancredi ne aveva fatto un vero e proprio manifesto già giorni prima rivelando alla stampa le sue posizioni “no green pass” che lo avrebbero portato a rifiutare l’esibizione del documento anche per espletare le sue funzioni da deputato. Oggi l’ha seguito anche Angela Foti. I due sono andati in Questura a denunciare il blocco all’ingresso.

“Sono arrivato all’ingresso di piazza Indipendenza – ha raccontato ancora una volta ai cronisti Tancredi- ma i vigilantes mi hanno detto che se non esibivo il Green pass non sarei potuto entrare. Allora ho fatto il giro da piazza del Parlamento, ma la stessa cosa si è ripetuta qui dove ci hanno impedito l’accesso fisico non aprendo le porte dell’ingresso. Quindi oggi sostanzialmente due rappresentanti regolarmente eletti, addirittura la vice presidente dell’Assemblea, non possono accedere al luogo deputato a espletare il proprio dovere istituzionale perchè tutto è subordinato alla presentazione di uno strumento politico qual è il Green pass che non ha alcun fondamento di sicurezza reale”.

Dalla prossima settimana quando riprenderanno i lavori dell’aula nuovamente, anche Matteo Mangiacavallo seguirà i colleghi. No green pass, no Ars.