Non partono i servizi scolastici per gli alunni disabili, interrogazione di Bono e Milioti

Hanno letto: 194

Hanno presentato un’interrogazione i consiglieri Bono e Milioti ad oggetto i servizi scolastici per disabili che non sono ancora partiti nelle scuole saccensi.

“La scuola – scrivono i due – è iniziata già da un mese, ma con questa amministrazione con a capo il Sindaco Francesca Valenti l’istruzione sembra non essere un diritto per tutti. Ancora oggi bambini diversamente abili non possono andare a scuola perché l’amministrazione non ha attivato il servizio di autonomia e comunicazione insieme a quello igienico sanitario. Interveniamo sulla vicenda su sollecitazione di diversi genitori indignati da un fatto che più che grottesco, dovrebbe far riflettere l’intera classe politica ed a maggior ragione chi oggi governa la città con superficialità e disattenzione”.

” Il servizio – sottolineano i due consiglieri – prevede delle figure professionali che debbono essere fornite dai Comuni anche tramite la collaborazione con le associazioni che hanno il compito di sostenere l’alunno nell’ambito dell’autonomia e della comunicazione, ma anche sotto il profilo igienico sanitario, collaborando con il personale docente e non docente della scuola ai fini dell’effettiva partecipazione dell’alunno a tutte le attività scolastiche. Bene, la sua mancata attivazione oggi non permette a diversi bambini di partecipare alle attività scolastiche costringendoli a rimanere a casa. Addirittura il servizio doveva partire con delle risorse già stanziate, ma anche per rispetto della verità, che difficilmente viene detta, le somme già previste e a disposizione non sono sufficienti a garantire tale servizio per tutto il periodo.

Basta questo per capire quanto poco sia attenzionato il problema dal Sindaco ed anche dall’assessore al ramo”.

“Non garantire tale servizio – concludono – è l’ennesimo segnale di quanto scarsa sia l’azione politico-amministrativa della giunta Valenti, ma anche di chi oggi ne difende l’operato anziché indignarsi per quanto accade .
Pertanto, chiediamo al Sindaco e all’assessore al ramo che già erano al corrente di tale situazione, quali siano le motivazioni che ad oggi non permettono l’attivazione di un servizio così importante” .

Inoltre, vista l’importanza gradiremmo sapere se prima dell’inizio dell’anno scolastico l’amministrazione ha dato appositi indirizzi agli uffici competenti e qualora l’avesse fatto gradiremmo sapere se lo stesso ufficio affari sociali ha attivato le dovute procedure con l’amministrazione per addivenire alla soluzione di tale problematica.

In attesa di un riscontro scritto, diffidiamo Sindaco ed assessore al ramo a far partire il servizio immediatamente , poiché la vergogna che si prova a ricevere queste segnalazioni è tanta , al punto che non basterebbero neanche le scuse . Pratica quest’ultima poco conosciuta dal Sindaco.

I Consiglieri Comunali di opposizione Milioti Giuseppe e Bono Calogero