Parco delle Terme, il centrodestra chiede conto e ragione all’amministrazione, presentata interrogazione

Hanno letto: 226

Preoccupante ed ai limiti del farsesco. Ci sentiamo in dovere di definire così l’assurda vicenda riguardante la riapertura del parco delle terme. Dietro ad una “tentata” passerella politica (con tanto di nastro tricolore) sventata dal presidente Musumeci, non possiamo non essere preoccupati dinnanzi agli ultimi retroscena che caratterizzano una delle cose più “naif” di questa amministrazione.

Con la presente interrogazione a risposta scritta, chiediamo all’amministrazione comunale ed al sindaco in primis:
Se è vero che l’addetto deputato all’apertura e alla chiusura del parco è l’assessore Caracappa;
Chi possiede la chiavi del parco;
Quali lavori sono stati effettuati dal comune di Sciacca per rendere agibile il parco;
Quale dirigente è preposto al rispetto della convenzione con la regione;
Quali forze sono state messe in campo per garantire la guardiania h24;
Quando sarà riattivata la grande fontana e per quale motivo non è stata ancora messa in sicurezza;
Quali e quante unità sono destinate alla manutenzione del parco.
Se è vero che l’intera vicenda è stata gestita solo ed esclusivamente dal primo cittadino senza il benestare della dirigenza.

Al contempo, al fine di garantire la pubblica incolumità, si chiede copia di tutti i certificati di agibilità del sito e le dovute conformità utili alla buona frizione dell’intero parco.