Somma urgenza e debiti fuori bilancio nella seduta di ieri del consiglio comunale di Sciacca, a lunedì la variazione di bilancio

255

Approvato il riconoscimento della spesa per la somma urgenza da cento mila euro per gli interventi tampone a seguito dei danni provocati dal maltempo dello scorso tredici ottobre e quattro debiti fuori bilancio. E’ il risultato prodotto ieri sera dal consiglio comunale di Sciacca che in apertura ha approvato anche alla vigilia della Giornata internazionale un documento contro la violenza sulle donne proposto dal presidente Ignazio Messina. Lavori del consiglio comunale di Sciacca aggiornati a lunedi 28 sul punto all’ordine del giorno degli emendamenti alla variazione di bilancio n. 20 su richiesta della maggioranza consiliare che per bocca del consigliere Ignazio Bivona ha lamentato che gli atti emendativi di delibera sono stati trasmessi ai consiglieri soltanto nel pomeriggio inoltrato di ieri non permettendo pertanto, l’attento esame necessario, mentre il consigliere Filippo Bellanca ha chiesto a presidenza e segreteria generale di richiamare la presenza in aula dei revisori dei conti durante la seduta.

Seduta del consiglio, quella di ieri sera, con clima disteso e sereno, ma che ha regalato, a sorpresa, qualche passaggio spigoloso durante la fase di approvazione dei debiti fuori bilancio e che ha visto come protagonista assoluto il consigliere di Next Alessandro Curreri che ha chiesto più volte di intervenire per trattare e spiegare con una sorta di storia e narrativa i debiti fuori bilancio approfittando della presenza della trasmissione televisiva. In particolare, Curreri ha chiesto lumi al segretario sulla possibilità di discernimento riconosciuto dalla legge al consigliere comunale sui debiti fuori bilancio. Dagli scranni opposti, i consiglieri nonché legali, Ignazio Bivona e Carmela Santangelo, hanno ribadito l’obbligatorietà del pagamento delle sentenze passate in giudicato per l’ente risultato soccombente.

Il segretario generale, Manlio Paglino, chiamato all’intervento ha poi ripetuto che l’approvazione del debito fuori bilancio e’ un atto dovuto. Anche Fabio Leonte dalla maggioranza- minoranza ha ribadito che sul voto dei riconoscimenti dei debiti fuori bilancio c’è poco da fare per i consiglieri se non votarli.

Lavori, dunque rinviati a lunedì quando il consiglio sara’ chiamato a votare la variazione di bilancio che riguarda i finanziamenti recentemente ottenuti dall’Autorità di Bacino della Regione Siciliana per la messa in sicurezza dei torrenti: dal foce di Mezzo per il quale sono stati stanziati 200 mila euro per attuare il progetto presentato dal comune di Sciacca. Altri 200 mila euro sono stati finanziati, sempre dall’Autorità di Bacino, per il torrente San Marco, mentre ammonta a circa 250 mila euro l’importo stanziato per il torrente Carboj. Si tratta di opere di pulizia e di sistemazione delle sponde e degli argini per ridurre il rischio esondazione in caso di abbondanti piogge. I fondi sono a disposizione del comune di Sciacca e il consiglio comunale dovrà approvare la variazione al bilancio per consentirne l’utilizzo. Una corsa contro il tempo quella che dovrà a sua volta, poi portare avanti l’amministrazione per aggiudicare i lavori di messa in sicurezza dei tre torrenti entro la fine di dicembre.

Intanto, il riconoscimento della spesa per la somma urgenza da cento mila euro e’ stata prelevata dai capitoli della tassa di soggiorno. Tutto dire, secondo il consigliere Calogero Bono, per una città turistica utilizzare l’imposta destinata ad altri scopi, sebbene nella più assoluta liceità, per l’urgenza dettata dall’emergenza climatica.