Terme, tutta l’opposizione e i Cusumaniani chiedono un consiglio comunale aperto

Hanno letto: 123

Quindici consiglieri comunali, tutta l’opposizione, con il centrodestra ed i Cinque Stelkle, ed i Cusumaniani, chiedono una seduta aperta del consiglio comunale. Martedì scorso durante la seduta della VI commissione Consiliare “Attività Produttive”, è stata proposta ed accolta l’idea di richiedere la convocazione di un consiglio comunale aperto sulle ultime vicende riguardanti le Terme di Sciacca. E adesso si procede in questa direzione.

“Considerata l’importanza della discussione, tenuto conto della necessità che della questione venga interessata l’intera cittadinanza, per il tramite del consiglio comunale che ne è la massima rappresentazione e preso atto che di recente la questione ha altresì suscitato interesse del costituito comitato civico e del mondo dell’associazionismo in generale a seguito delle ultime notizie relative alla possibile pubblicazione, da parte della Regione, del bando per la manifestazione di interesse – è scritto nella richiesta – e dopo aver valutato l’importanza della tematica in oggetto”, i consiglieri hanno avanzato la richiesta.

Una seduta di consiglio “da tenersi prima di qualsiasi altra convocazione” è riportato nella richiesta. I consiglieri che hanno firmato sono Gianluca Guardino, SalvatoreMonte, Fabio Termine, Santo Ruffo, Calogero Bono, Giuseppe Milioti, Pasquale Bentivegna, Carmela Santangelo, Silvio Caracappa, Cinzia Deliberto, Lorenzo Maglienti, Gaetano Cognata, Alessandro Curreri, Teresa Bilello, Giuseppe Ambrogio.