Ufficio Tecnico del Comune di Sciacca al collasso per mancanza di personale, confronto con ordini professionali e collegi

Hanno letto: 323

La mancanza di personale all’Ufficio Tecnico del Comune di Sciacca con una situazione che si aggraverà ulteriormente con i prossimi pensionamenti preoccupa e non poco anche gli ordini professionali ed i collegi che hanno incontrato una delegazione composta dall’assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici, Fabio Leonte e dai consiglieri Elvira Frigerio e Valeria Gulotta. Presenti il dirigente Giovanni Bono e il funzionario Nicolosi.

La situazione è particolarmente critica ed i rappresentanti di ordini e collegi (architetti, ingegneri, geometri, geologi, agronomi, periti agrari e agrotecnici) hanno posto in risalto una serie di criticità ed alle loro istanze sono arrivate alcune risposte: entro l’anno si cercherà di immettere presso l’Ufficio Tecnico almeno tre unità tramite la mobilità. Saranno dieci in tre anni. Entro settembre verrà acquistata la piattaforma necessaria al Sue e successivamente verrà formato il personale. Con l’introduzione della piattaforma si potrà effettuare la procedura di controllo a campione. Per i certificati di destinazione urbanistica l’ufficio verrà aperto tre volte alla settimana e l’archivio due volte. L’orario di ricevimento dei tecnici per le pratiche edili, da settembre, sarà di due giorni a settimana e non soltanto di un giorno come avviene adesso.

Non è stato deciso nulla, invece, sull’adozione dei modelli unici standardizzati. I tecnici hanno posto l’accento sulla grave crisi he riguarda il settore dell’edilizia, sollecitando, in proposito, che la questione venga affrontata dall’amministrazione.

Le problematiche che riguardano l’Ufficio Tecnico sono al centro oggi anche di un intervento da parte dei consiglieri del centrodestra.