La favarese Annalisa Pompeo in America per diffondere la cultura gastronomica siciliana

Hanno letto: 90

Volerà in America per il terzo anno consecutivo la favarese Annalisa Pompeo che con “GoSicily-Cook, Eat, Explore”, il suo sito web attraverso cui promuove la gastronomia siciliana.

La giovane da anni si occupa attraverso il suo portale di turismo esperienziale, unendo le sue passioni, quella per la cucina e quella per gli Stati Uniti d’America, e parlando con un inglese fluente direttamente al cuore e alla gola degli americani. Il suo sito web, nato per valorizzare e tramandare i sapori, i luoghi e le tradizioni siciliane, si occupa di organizzare esperienze, quanto semplici tanto speciali, per tutti coloro i quali si trovano nella sua città: dalle visite nei frantoi alle esperienze in cantina passando per delle lezioni di cucina che si tengono in luoghi diversi, dalla cucina di casa propria sino a Farm Cultural Park.
Inoltre, per attrarre maggiormente i turisti ha deciso lei stessa di recarsi in America per diffondere la tradizione culinaria siciliana suscitando così il loro interesse nel recarsi personalmente nella nostra terra e conoscere di persona tutto ciò che li ha colpiti.

<< Si tratta del mio terzo anno consecutivo in America – dichiara Annalisa Pompeo – e non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura; ogni volta è come se fosse la prima: c’è sempre tanta emozione e tanta adrenalina per tutte le persone che avrò modo di incontrare e conoscere e per tutte le cose belle che avremo modo di fare insieme. Ciò che più mi inorgoglisce è la possibilità di raccontare attraverso i nostri piatti e le nostre tradizioni, la mia Terra e la mia Sicilia a persone che la amano pur non conoscendola bene o non essendoci mai stati. Mi piace raccontare le storie di piccoli produttori e valorizzare le eccellenze di nicchia, e tutto ciò mi permette di diventare quasi una sorta di tramite tra la nostra Sicilia con tutto ciò che di bello offre e i cittadini americani che invece sono molto curiosi ed entusiasti di conoscerla: un ponte – conclude –capace di creare collegamenti, sinergie e anche opportunità lavorative che si estendono coinvolgendo più persone>>.

La “missione americana” inizierà il 14 gennaio e si concluderà il 17 febbraio e comprende diverse mete: da Boston a New York passando per Brooklyn, Manhattan, New Jersey, Dallas, Long Island, New Orleans e tanti altri luoghi in ognuno dei quali la giovane favarese porterà con se un pezzo della nostra Sicilia con lezioni di cucina e una formazione sull’olio extravergine d’oliva e sulle farine di grani antichi siciliani.