Mamma e figlio spariscono nel nulla dopo incidente sulla Messina – Palermo, ritrovati in macchina la borsa della donna e lo zainetto del piccolo

5412

Viviana Parisi, di 43 anni, con il figlio Gioele Mondello di 4, sarebbe dovuta andare, ieri, al centro commerciale di Milazzo per comprare delle scarpe al bambino. L’auto sulla quale viaggiavano, però, sarebbe stata coinvolta in un incidente sulla A-20. Dopo il sinistro la donna, insieme al figlio, avrebbe scavalcato il guard-rail sparendo nelle campagne circostanti.

Viviana Parisi, nota Dj della Sicilia orientale, dopo l’incidente, ha fatto perdere le proprie tracce insieme al figlio Gioele Mondello, di appena 4 anni. Tra le ipotesi, quella che la donna abbia perso l’orientamento. Ad avvertire le forze dell’ordine è stato il marito che, non ha visto rincasare Viviana e il bambino a Venetico, il paese in cui abitano in provincia di Messina. Tanti conoscono Viviana per la sua passione per la musica, per le serate in discoteca organizzate insieme al marito anche lui Dj.  Un vero e proprio giallo, avvolto dal mistero, quello che ha preso vita ieri sull’autostrada A – 20, Messina – Palermo, dove l’auto della 43enne, una Opel Corsa, è stata trovata dopo un incidente, avvenuto con un autocarro all’ingresso della galleria Pizzo Turda, nei pressi dello svincolo di Caronia. Gli uomini del distaccamento della Polizia stradale di Sant’Agata di Militello intervenuti sul posto, hanno trovato la vettura lievemente danneggiata. “Stiamo proseguendo con le ricerche – afferma il comandante della sezione, Massimiliano Fiasconaro  – estese a tutta l’area dei Nebrodi”. In azione, insieme agli agenti della polizia stradale, ci sono i carabinieri e due unità specializzate nelle ricerche, oltre a due elicotteri dei vigili del fuoco e un’unità cinofila. Gli inquirenti non sottovalutano al momento alcuna ipotesi. Gli appelli per cercare di rintracciare la donna e il bambino stanno invadendo i social e ne è stato pubblicato anche uno dal marito che pubblica la foto di Viviana abbracciata al loro bambino scrivendo: “Per favore, condividete”. Intanto, la procura di Patti ha aperto un’inchiesta per fare luce sulla vicenda.

In foto: immagine da Facebook