Musumeci querela Daverio dopo le offese ai siciliani

Hanno letto: 838

Anche il Governatore Nello Musumeci e il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè intervengono sulla querelle sollevata nei confronti del critico d’arte Philippe Daverio dopo la polemica sull’assegnazione del titolo di “Borgo dei borghi” che ha visto prevalere Bobbio (di cui Daverio è cittadino onorario) su Palazzolo Acreide e le sue dichiarazioni sui siciliani definiti “terroni”.

“Il professore Daverio – afferma Musumeci – ha il dovere di scusarsi con tutto il popolo siciliano, che ha offeso volutamente, con toni razzisti e con dichiarazioni calunniose. Amare la Sicilia non è un dovere, ma usarle rispetto sì. Non è tollerabile un atteggiamento così spocchioso, che ci impone come governo della Regione di rivolgerci anche all’autorità giudiziaria”. “Se lei ammettesse di avere sbagliato, piuttosto che lanciarsi in contumelie contro noi siciliani, dimostrerebbe il suo spessore umano e culturale”, dice Miccichè in una lettera aperta inviata a Daverio con la quale lo invita a visitare Palazzo dei Normanni.

Musumeci ha poi querelato anche il critico d’arte per le sue affermazioni.