Raccolta fondi per curare una bimba di Messina, ma i genitori la rindirizzano:”L’offerta vada a chi non puo’ affrontare tragedie umane senza il supporto della solidarietà”

1495

“Non abbiatela a male se vi dico che non possiamo accettare tanta generosità. Alle cure di Beatrice penseremo noi familiari. E’ giusto che la vostra benefica offerta vada a chi non può affrontare tragedie umane senza il supporto della solidarietà. Spero non intravediate in questa mia rinuncia una forma di orgoglio o sprezzo del vostro meraviglioso gesto, perché la mia rinuncia è soltanto il desiderio di indirizzare al meglio il vostro cuore”. Questo il pensiero espresso dal papà della piccola Bea, la bimba di Messina affetta da tumore e per la quale si era aperta una raccolta fondi nei giorni scorsi.

La bimba, in un primo momento di era temuto potesse essere affetta da Covid-19, invece si e’ poi scoperto essere un tumore al polmone. Una diagnosi ancora piu’ atroce che ha mobilitato Messina e in particolare, la scuola dell’infanzia frequentata dalla piccola.


Warning: A non-numeric value encountered in /var/www/web9/web/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008