“Re Minore” di Giuseppe Ferlito ottiene i migliori riconoscimenti al Festival Internazionale del Cinema di Salerno (Video)

2441

Il film del regista siciliano Giuseppe Ferlito “Re Minore” in gara alla 74esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno è risultato il migliore in assoluto aggiudicandosi i migliori riconoscimenti. Si è aggiudicato, infatti, aggiudicato il Gran Trofeo Golfo di Salerno ‘Ignazio Rossi’, Primo Premio assoluto della Giuria tecnica e il Primo Premio della Giuria popolare internazionale.

Sono stati 250 i film selezionati che hanno partecipato alla 74 edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno, uno dei festival del cinema più antichi in Italia, per un’edizione speciale online.
La rassegna ha registrato la partecipazione di: Lungometraggi e corti a soggetto, Fiction, Film Dossier, Cartoons e documentari.

Un meritato riconoscimento per il regista di Burgio che vanta 20 anni di carriera da regista e numerosi film alle spalle.

“Sono felice ed onorato – afferma il regista – di avere ricevuto questi prestigiosi premi. Il film è piaciuto ed è stato premiato sia dalla critica che dal pubblico e questo è per me motivo di grande orgoglio professionale”.

Grande soddisfazione anche fra gli attori che hanno partecipato al film:

“È stata – dice Il protagonista del film Gabriele Ferrantelli – la mia prima esperienza nel mondo del cinema. Un’esperienza emozionante e, al tempo stesso, molto formativa. Mi sono subito innamorato del personaggio di Mimì perché esprime la forte volontà di una Sicilia che vuole riscattarsi, guardare al futuro e progredire. Un’immensa gioia quella di aver fatto parte di questo significativo progetto culturale, costruito da un grande regista e un eccellente Maestro di cinema, che ringrazio per avere creduto e scommesso in me e avermi dato l’opportunità di vivere questa incredibile esperienza”.

La protagonista femminile del film Letizia Tony, attrice professionista, ha interpretato il ruolo di Mirella:

“Sono felice -dice l’attrice che in queste settimane ha partecipato alla fiction ‘L’allieva’, in onda in prima serata su Rai1- per i riconoscimenti ottenuti dal film e per aver partecipato a questo progetto cinematografico fortemente voluto dal regista Giuseppe Ferlito, del quale frequento da tre anni i corsi di recitazione nella sua scuola. Ho partecipato a diverse iniziative cinematografiche ma questa, nel ruolo di protagonista femminile, è certamente la più importante e significativa”.

Coprotagonista del film l’attore saccense, Vincenzo Catanzaro. “Il ruolo che ho interpretato del Maestro Corona – dice l’attore professionista – esprime, insieme alla figura di Mimi, la contraddizione della Sicilia che, partendo da uno scontro inizialmente concettuale delle diverse scuole di pensiero del vecchio maestro e del giovane allievo, si sposta inevitabilmente sul piano umano. Una bella esperienza al fianco di tanti giovani attori e della qualificata regia di Giuseppe Ferlito”.

Esprimono grande soddisfazione anche gli attori Santo D’Aleo e Nicola Puleo. Il primo ha interpretato il personaggio di Jaco, padre di Mimì, che sollecita il figlio ad allontanarsi dallo stress delle città e provare a rilassarsi nel suo paesino, per ritrovare la serenità e l’equilibrio psicofisico.
Il secondo, la figura di Padre Santino, un prete moderno molto sensibile alla tematica dell’arte sacra, il quale diventerà la guida spirituale per il giovane Mimì e lo asseconderà scegliendo la sua musica per l’esecuzione delle funzioni religiose.

Fra gli attori del cast figurano anche professionisti come Fabio Baronti, Marco Feo, Barbara Capucci, Liliana Abbene, Raffaele Taddei.

Un grande merito del regista Ferlito è anche quello di avere fatto recitare molti attori alla loro prima esperienza cinematografica e tra questi i talentosi Emanuela Bonaccorso, Dorella bambina nel film, Francesco Catalanotto che ha interpretato il personaggio di Mimì da bambino e Flavia Bacino, nel ruolo di Dorella adulta.