Sagra del Mare a Sciacca tra musica, cabaret e degustazioni. L’assessore Caracappa promette maggiori fondi

Hanno letto: 1206

Tantissimi gli ospiti e gli spettacoli, musicali e di cabaret, in programma ogni sera a Sciacca per Festa di San Pietro – Sagra del Mare.

Lo staff organizzativo è al lavoro già da tempo e all’ultima riunione è stato presente anche l’assessore allo Spettacolo, Sino Caracappa, che ha promesso maggiori fondi rispetto al passato. Il momento religioso più atteso è la processione del simulacro del Santo che arriverà su un pescherecchio prima della celebrazione della santa messa.

La manifestazione comincerà il 27 giugno con l’esibizione della band saccense “Le Mele Marce” e del noto trio comico siciliano “I Respinti”, di cui fa parte “Gianni Lattore” che quest’anno ha esordito su rai due nel programma “Made in Sud” condotto da Stefano De Martino e Fatima Trotta. Il 28 giugno si esibiranno i padroni di casa di Sicilia Cabaret, anche loro protagonisti a Made in Sud, Matranga e Minafò, insieme a Ivan Fiore, con il suo personaggio amatissimo dal pubblico siciliano e non solo “Suki”, e a seguire lo spettacolo musicale di “Uno zero in più”.

Anche il 29 giugno, serata in cui sono previsti i giochi pirotecnici, sono previsti grandi spettacoli: si riderà con il famosissimo comico Antonio Pandolfo e si canterà con la bravissima Tiziana Sinatra, saccense cresciuta proprio nel quartiere marinaro. La manifestazione si concluderà con il concerto di Einar, cantante amatissimo dalle giovanissime, vincitore di Sanremo Giovani 2019 e terzo classificato ad Amici 2017, e lo spettacolo della cantante montevaghese Elisa Modica.

Durante la Sagra del Mare si alterneranno altri ospiti di eccezione: la nota speaker di Radio In, modella e fashion influencer Sara Priolo, che condurrà le serate del 29 e 30 giugno, e l’ex tronista di Uomini e Donne, programma mediaset condotto da Maria De Filippi, Mariano Catanzaro. 

Testimonial della sagra la saccense Valeria Rizzutio, eletta attraverso un contest social. Non mancherà la “N’tinna” a mare