Mario Lazzano: “No a Bono per il dopo Di Paola, la città è andata indietro negli ultimi cinque anni”

1858

Nessun appoggio a Calogero Bono. Mario Lazzano non ha dubbi sul “post Fabrizio Di Paola”, la coalizione di centrodestra deve procedere unita con un candidato rappresentativo dello schieramento. L’ex consigliere provinciale commenta così la giornata che ha segnato l’abbandono del primo cittadino.

Lo stesso Lazzano che cinque anni fa, propose e volle fortemente la candidatura di Di Paola oggi preferisce non entrare nel merito della  scelta personale del sindaco, anche se ammette che la normalità di un primo mandato vedrebbe ripresentarsi al giudizio il sindaco che ha amministrato.

Lazzano che si lascia andare anche a delle riflessioni sulla crisi dei partiti e alla nascita dei movimenti: “Sono come meteore, pronte a scomparire, una volta si diceva che occorrono i collegamenti virtuosi, oggi non esistono più, ma serve ugualmente la base dei partiti per costruire qualcosa”.