Bilancio del Comune di Sciacca, il centrodestra attacca: “Sindaco e maggioranza arroganti”

Hanno letto: 120

“Predicare bene e razzolare male”. Duro attacco sul bilancio al sindaco e alla maggioranza al Comune di Sciacca  da parte dell’opposizione di centrodestra.
“Il sindaco Francesca Valenti prima annuncia pubblicamente che il bilancio per Lei è da considerarsi modificabile e pronta a recepire le istanze della opposizione e poi quando queste chiedono tutte insieme di poter avere in bozza una versione del bilancio più leggibile (il Peg), per potere meglio operare anche con degli emendamenti questo viene negato. Ieri sera in Consiglio Comunale si è registrato l’ennesimo strappo fra maggioranza e tutte le opposizioni. Il centro destra, mizzica e cinque stelle avevano presentato una richiesta ufficiale al sindaco di potere avere una bozza del PEG, cioè di una versione del bilancio pìu analitica che, seppur formalmente va approvata dalla giunta dopo la approvazione del Bilancio in Consiglio, già è in possesso degli uffici. Pezzi della maggioranza, che definiamo falchi che non hanno alcun interesse affinché in consiglio si abbia un clima sereno, ieri sera si sono messi di traverso a questa ipotesi”. E’ questa la ricostruzione del centrodestra alla quale, certamente, seguiranno repliche da parte della maggioranza. “Già in commissione bilancio e con pubbliche dichiarazioni – continuano – avevano negato la possibilità di fornire una versione del bilancio più analitica. Di fatto anticipando la scelta che invece è in capo alla amministrazione e al sindaco in particolare. Così è stato. “Sindaco imbrigliato dai Falchi”. Molti consiglieri di maggioranza, a denti stretti, ieri sera dicevano che sarebbero stati propensi a tale concessione”. I consiglieri Calogero Bono, Giuseppe Milioti, Salvatore Monte e Gaetano Cognata aggiungono: “Vogliamo ricordare che negli ultimi anni la amministrazione Di Paola aveva fornito alla opposizione una bozza di Peg già in sede di lavori in commissione bilancio.  Così come negli ultimi anni il termine di presentazione degli emendamenti al bilancio non è stato considerato perentorio, ciò confermato anche dal dirigente di ragioneria ieri sera in aula. Tutte le forze di opposizione hanno stigmatizzato il comportamento del sindaco che alla fine ha chiuso alle opposizioni qualsiasi ipotesi di dialogo. Passo indietro quindi ieri era in Consiglio Comunale, con maggioranza visibilmente nervosa.  Vittoria di Pirro della maggioranza Valenti e dei suoi falchi, il cambiamento si è proprio visto tutto ieri sera. Si torna alle chiusure totali, d’altronde il consigliere Leonte ha ricordato nel suo intervento – concludono dal centrodestra – che quando lui era assessore non se ne parlava proprio di dare Peg alle opposizioni”.