Due giorni di sciopero e uno di assemblea dei lavoratori impegnati a Sciacca nella raccolta dei rifiuti

Due giorni di sciopero, il 12 e il 13 luglio, e uno di assemblea del personale. Durante il prossimo fine settimana Sciacca rischia di diventare una discarica. La protesta è dei lavoratori impegnati nel servizio di raccolta dei rifiuti. Lo sciopero è stato indetto da Cgil e Uil con i responsabili provinciali di settore, Enzo Iacono e Nino Stella. I lavoratori devono riscuotere la mensilità di giugno e la quattordicesima.  La questione stipendi è stata più volte al centro del confronto tra il Comune, la Srr e le ditte che svolgono il servizio. Non è ancora arrivata, però, una soluzione che consenta un pagamento puntuale delle spettanze ai lavoratori che protestano e che vogliono fermarsi come conferma Enzo Iacono, della Funzione Pubblica Cgil, in un’intervista a Risoluto.it