Ricettazione da 100 mila euro a Ribera, uno dei romeni arrestati resta in carcere, mentre due vanno ai domiciliari

Rimane in carcere soltanto uno dei tre romeni arrestati a Ribera da carabinieri e polizia per una ricettazione da oltre 100 mila euro tra denaro in contante e oggetti preziosi. Lo ha stabilito il Tribunale del Riesame di Palermo che ha confermato la custodia in carcere per Adrian Florian Muraru, di 32 anni, e concesso i domiciliari a Tudor Dan Nita, di 18, e George Mihaita Paraschiv, di 26. I tre sono difesi dagli avvocati Giovanni Forte, Giuseppe Tramuta e Santo Lucia. Nelle perquisizioni domiciliari effettuate sono stati rinvenuti, all’interno di un vaso contenente del terriccio, un involucro sigillato con 40 mila euro in banconote ed un contenitore pieno di gioielli d’oro. Altri gioielli erano in un frigorifero e dietro un quadro appeso ad una parete 25 mila euro in contanti.