Monte accusa Tulone per la mancata presenza del Comune di Sciacca alla Bit e l’assessore replica:”Non facciamo passeggiate a Milano”

Hanno letto: 558

Sarà lo stand più grande in assoluto, 850 metri quadrati, cento in più di quello che ospita la Lombardia. La Sicilia alla Borsa internazionale del turismo, in programma a Milano da domani fino a martedì avrà uno spazio d’eccezione. Ma a Sciacca la presenza del meglio del turismo, agricoltura, territorio e ambiente, attività produttive e beni archeologici siciliani a Milano, si è trasformata nell’ennesima bagarre politica con il consigliere comunale Salvatore Monte, in polemica con l’attuale assessore al turismo e spettacolo Salvatore Monte.

Monte, nello specifico, ha lamentato ed evidenziato con una nota stampa la mancata presenza del Comune di Sciacca alla più grande fiera internazionale del turismo perché l’amministrazione comunale non ha programmato la partecipazione mancando anche di fornire il relativo materiale. Anche se la città di Sciacca sarà presente all’interno dello stand che domani il governatore presenterà alla stampa, con il suo Carnevale inserito tra i grandi eventi dell’isola. Una precisa accusa quella di Monte che ha suscitato il botta e risposta con l’assessore Tulone che oggi ha voluto ricordare che da anni non si programma più una presenza alla Bit del Comune di Sciacca.

“L’ultima presenza importante e ben programmata – scrive Tulone –  promossa del comune di Sciacca alla BIT di Milano risale al 2011, con il dottor Vito Bono Sindaco e l’architetto Michele Ferrara Assessore al turismo; presenza garantita attraverso un auto finanziamento degli stessi amministratori i quali a suo tempo scesero di pagarsi tutte le spese pur di essere presenti.
Addirittura, si segnala una nota stampa, datata gennaio 2013, a firma dell’ allora vicepresidente vicario del Consiglio provinciale di Agrigento, Mario Lazzano, il quale pubblicamente denunciava il fatto che, nonostante la Provincia di Agrigento avesse organizzato uno stand per la promozione dell’offerta turistica del nostro territorio alla bit di Milano e nonostante l’amministrazione del tempo fosse stata tempestivamente informata della opportunità, avesse deciso di non partecipare.
Va altresì rimarcato come rispetto agli anni precedenti oggi la presenza a questi eventi internazionali è penalizzata dall’assenza della provincia regionale che in passato organizzava queste vetrine e da una minore disponibilità economico finanziaria della Regione Siciliana che comunque quest’anno promuoverà alla BIT il nostro carnevale.
È vero, noi quest’anno non saremo presenti alla BIT come Comune, perché la consideriamo un’opportunità da programmare, così da non limitarci ad una “passeggiata” improvvisata a Milano.
“Valuteremo – conclude Tulone –  per il futuro, di concerto con la Regione e soprattutto con gli operatori turistici del nostro territorio, se programmare una presenza seria del territorio di Sciacca che sia davvero significativa e che lasci tracce concrete, concordando assieme se e come essere presenti alla BIT.