Primi attacchi al Carmelo Burgio politico. L’Ncd: “Ha condiviso il piano ARO”. Mizzica: “Da lui solo un ruolo tecnico”

Era naturale che, dopo la decisione di scendere in campo, cominciassero le polemiche. Nel mirino lui: Carmelo Burgio, il vero protagonista della manifestazione di “Futuro Presente” di domenica scorsa. Oggi, durante la registrazione de “La Giostra” di Trs, il capogruppo dell’Ncd Salvatore Alonge parlando di lui lo ha attaccato, domandandosi in buona sostanza cosa accomuni l’ex segretario generale del Comune all’associazione, considerato che il piano Aro, con l’affidamento del servizio rifiuti ad una società esterna è, di fatto, una sorta di creatura del dottor Burgio, mentre quelli di Mizzica ritengono che sia stato un errore non prevedere una gestione in house.

“Non scherziamo, il ruolo del dottor Burgio in questa vicenda è stato tecnico”: ha replicato così, a nome dell’associazione Mizzica, Giuseppe Catanzaro, respingendo in tal modo il tentativo di Alonge di individuare possibili elementi di disaccordo o di contraddizione all’interno del progetto. Il capogruppo dell’Ncd ha eccepito però che, ancorché da tecnico, di fatto l’ex segretario generale del Comune di Sciacca partecipava alle riunioni di maggioranza, non disdegnando neanche di intervenire. Un modo, da parte d Alonge, di evidenziare che quello di Carmelo Burgio non può certamente considerarsi un ruolo meramente burocratico ma, in un certo qual modo, anche politico. Ma per Mizzica non cambia nulla, e per Giuseppe Catanzaro “il capogruppo dell’Ncd Alonge con le cose che ha detto di fatto ha offeso il sindaco Di Paola, visto che in buona sostanza ha dichiarato che la linea politica dell’Ncd la indicava il dottor Burgio. Noi – conclude Catanzaro – rispediamo al mittente questo tipo di approccio polemico, non cadremo nella trappola della polemica fine a se stessa”