Di Paola e Monte salutano tra lacrime e ringraziamenti:”Lasciamo a chi verrà”

Oltre al tradizionale finale con il rogo di Peppi Nappa, il palco di Piazza Angelo Scandaliato questa notte ha visto anche i tradizionali saluti dell’amministrazione comunale. Saluti quest’anno ancora piu’ carichi di significato perché segnano anche il termine del mandato elettorale della Giunta Di Paola. E così come le fiamme del Peppi Nappa, immancabili a conclusione, anche diversi minuti per un giro di battute finali tra i vari componenti presenti. Ad aprire i saluti il vice sindaco Silvio Caracappa che nel rilascio di interviste tra palchi e pacchetti del Carnevale quest’anno e’ stato il vero campione poi il microfono e’ passato al presidente del consiglio comunale Calogero Bono che ha voluto ricordare il gran lavoro di squadra per l’organizzazione della festa. Parola successivamente all’assessore Salvatore Monte, vero “mattatore” di questa edizione, che ha richiamato sottolineando il grande lavoro delle maestranze, la necessita’ di tutelare e preservare la festa. Monte che ha chiuso tra le lacrime il saluto al suo popolo del Carnevale ripercorrendo l’iter degli ultimi anni, di un Carnevale morto e poi risorto. Infine, il saluto del sindaco Fabrizio Di Paola, un vero congedo il suo dal palco di Piazza Angelo Scandaliato che ha posto l’accento sulla fine di un percorso di cinque anni che ha portato alla organizzazione di questa edizione che ha definito “straordinaria” snocciolando i primi numeri. Secondo Di Paola, la festa ha registrato circa cento mila presenze oltre che i contatti impressionanti sui social registrati. Una festa che il sindaco ha definito “unica” e che non va assolutamente persa.