Terme di Sciacca, l’assessore Armao conferma le indiscrezioni e frena sull’affidamento al Comune: “Si valuterà”

Hanno letto: 323

Come le indiscrezioni giornalistiche di appena qualche giorno fa, avevano anticipato: tutto ancora da decidere sul futuro delle Terme di Sciacca.

L’assessore Gaetano Armao, che oggi siamo riusciti a raggiungere telefonicamente dopo il fine settimana che il componente della Giunta Musumeci ha trascorso in ritiro insieme al governatore e agli altri colleghi sulle Madonie, con delle brevi dichiarazioni, oggi conferma il possibile passo indietro della Regione rispetto la volontà di un affidamento che sembrava essersi già consumato lo scorso ottobre quando il predecessore dell’assessorato all’economia, Alessandro Baccei, aveva firmato l’atto, o da quanto emerso dopo soltanto la bozza, di affidamento dei beni del patrimonio termale dalla Regione al Comune.

“Si valuterà – afferma oggi Armao che annuncia anche un incontro con l’amministrazione di Sciacca – ponendo sicuramente un freno sulla vicenda dell’affidamento esclusivamente comunale così come il compito in capo all’ente per la redazione del bando per la gestione e la futura riapertura, ma apre ad una terza e inedita ipotesi: una doppia gestione, una nuova prospettiva non ancora contemplata finora, ossia, una gestione congiunta tra Comune e Regione.

Insomma, ciò che era stato paventato col cambio di vertice in Regione e quindi, un cambio di prospettive rispetto il futuro delle terme saccensi, si è adesso palesato. E neanche a dirlo, bisognerà attendere ancora.