Badia Grande, i genitori tornano a sperare: sabato la decisione finale della Congregazione

Tornano le speranze per le famiglie dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia e la Primaria della Badia Grande, gestita da decenni dalla Congregazione della Misericordia e della Croce. Dopo l’annuncio della conclusione del ciclo di attività scolastiche, i genitori hanno tentato di far tornare le suore sui propri passi. E, in effetti, qualcosa nel frattempo è successo. Una delegazione di mamme e di papà, infatti, hanno incontrato recentemente la Madre superiora Gabriella Ruggeri, ottenendo l’impegno a riesaminare la questione. E una decisione, in tal senso, è attesa tra quarantotto ore. Entro sabato 19 maggio, infatti, la Congregazione farà conoscere il suo orientamento. Le famiglie, intanto, che nelle settimane scorse avevano inscenato un sit-in pacifico invocando l’attenzione delle istituzioni. In tale direzione si inquadrano alcuni incontri avuti sia con l’assessore ai lavori pubblici Giuseppe Neri, sia con la responsabile della Pubblica istruzione Annalisa Alongi. Chiedono che il comune di Sciacca sostenga la loro battaglia, magari seguendo direttamente gli sviluppi della vicenda. Anche il sindaco Valenti stamattina ha ricevuto i genitori. Alla Congregazione sono già state recapitate le preiscrizioni per il prossimo anno, a dimostrare l’attenzione verso la Badia Grande da parte di famiglie che vorrebbero potere non rinunciare a questa scuola. Per quanto riguarda alcuni piccoli interventi tuttora necessari all’interno dell’edificio, i genitori confidano in un intervento da parte dell’amministrazione, non escludendo di poterli sostenere direttamente, purché la scuola possa riaprire.